previous arrow
next arrow
previous arrownext arrow
Slider

Si-C Mosfets on Mono & Lysios

- per la parte in italiano scorrere la pagina -

In Audiozen we started with an idea, sharing passion through innovation;
We're growing, listening to your feedback helping us to do better;
We bet on our choices, we think that innovation gets better targets.

We started over 10 years ago with an approach to Hi-Fi more philosophical than technical, searching for the best sound within the tradition plus innovation. For Mono and Lysios, we decided to use a new device called Si-C Mosfet.

Silicon carbide (Si-C), also known as carborundum, is a semiconductor containing silicon and carbon. In 1893 Ferdinand Henri Moissan discovered the very rare naturally occurring Si-C mineral while examining rock samples found in the Canyon Diablo meteorite in Arizona. The mineral (the second hardest natural mineral) was named moissanite in his honor.
The main features and benefits of Si-C mosfets include:
  • Very high temperature handling capability leading to simplified thermal management as well as improved system reliability;
  • Significantly minimal variation versus temperature resulting in more compact designs (smaller heatsinks);
  • Higher system efficiency.

Usually solid state amplifiers run complementary devices in n-channel and p-channel guise but Si-C mosfets are available only as n-channel versions. Hence we developed a quasi-complementary circuit with just n-channel parts like great companies did in the early 70s, when p-channel power devices were still unavailable. It seems strange but it's easier to find and match two nearly equal n-channel parts than two complementary versions. We tested many Si-C mosfets made by several manufacturers, and finally we choose the best for our power amplifiers.

About 50 years ago, Mr. Baxandall discovered that a diode at a very precise point of a quasi-complementary circuit eliminates the local Miller effect to obtain superior linearity at high frequencies.
It seems strange again but in many amplifiers with a quasi-complementary circuit, this Baxandall diode never appears. In our Mono & Lysios that Baxandall diode is present.

So by mixing a traditional quasi-complementary circuit, Baxandall diode, and the innovative modern Si-C mosfets devices, we created our Mono and Lysios.


In Audiozen siamo partiti con un'idea, condividere la passione attraverso l'innovazione; siamo cresciuti, ascoltando i vostri feedback che ci hanno spinto a dare sempre il meglio; abbiamo scommesso sulle nostre scelte, pensiamo che quindi l'innovazione faccia raggiungere migliori traguardi.

Siamo partiti dieci anni fa con un approccio più filosofico che tecnico, ricercando il miglior suono con tradizione e innovazione. Per il Mono ed il Lysios abbiamo deciso di impiegare un nuovo dispositivo, il Si-C Mosfet.

Il carburo di silicio (Si-C), conosciuto anche come carborundum, è un semiconduttore contenente silicio e carbonio. Nel 1893 Ferdinand Henri Moissan scoprì tale minerale molto raro in natura durante l'esame di campioni di roccia trovati nel meteorite Canyon Diablo in Arizona. Il minerale (il secondo minerale più duro in natura) è stato chiamato moissanite in suo onore.
Le principali caratteristiche e benefici del Si-C mosfet includono:
  • Capacità di gestire temperature molto alte che consente una gestione termica semplificata e una migliore affidabilità del sistema;
  • Variazioni minime di temperatura, ciò risulta in design più compatto (alette di raffreddamento meno ingombranti);
  • Efficienza di sistema più elevata.

Di norma gli amplificatori allo stato solido utilizzano dispositivi complementari (a canale N ed a canale P) ma i Si-C mosfet sono disponibili sul mercato solo a canale N. Abbiamo quindi sviluppato un circuito quasi-complementare con dispositivi finali solo a canale N, lo stesso tipo di circuitazione utilizzato dai grandi marchi nei primi anni 70, quando i dispositivi finali a canale P non erano ancora disponibili.
Sembra strano ma è più facile trovare ed accoppiare due dispositivi a canale N con caratteristiche pressoché identiche che due versioni complementari (N e P), utilizzate nella maggior parte degli amplificatori di potenza. Abbiamo così collaudato svariati Si-C mosfet prodotti da parecchi produttori ed abbiamo quindi scelto i migliori per i nostri amplificatori di potenza
.

Circa mezzo secolo fa Peter J. Baxandall scoprì che l'applicazione di un diodo in uno specifico punto di un circuito quasi-complementare eliminava l'effetto Miller locale, ottenendo una maggiore linearità alle alte frequenze.
Sembra di nuovo strano ma in molti amplificatori che adottano uno schema quasi-complementare il diodo Baxandall non appare mai. Nel nostro Mono e nel nostro Lysios questo diodo è presente.

Abbiamo progettato e realizzato un circuito quasi-complementare in classe AB, con diodo di Baxandall, e con dispositivi innovativi quali i Si-C mosfet: abbiamo creato il Mono ed il Lysios.